Alta Genetics

Creare Valore, Costruire Credibilità, Produrre Risultati

Dairy Basics
Articoli sulle nozioni di base
Tutto su:

Dairy Basics

Economia dell’allevamento mercoledì, 06 dicembre 2017

Periodo di attesa volontario, performance riproduttive ed impatto economico

La definizione del periodo di attesa volontario è una decisione strategica per il notevole impatto che essa comporta sulle performance aziendali ma, ancora di più, su quelle economiche.



Genetica venerdì, 18 agosto 2017

La lunghezza della gestazione aggiunta ai caratteri di selezione

Il Council of Dairy Cattle Breeding (CDCB), a partire da questa valutazione genetica ha ufficialmente inserito un nuovo carattere genetico molto interessante: la lunghezza di gestazione GL, che per il momento non è stato incluso nelle formule di TPI e NM$.

> Per saperne di più

Economia dell’allevamento lunedì, 14 novembre 2016

Prevedere le future performance utilizzando l’incremento medio giornaliero

Dal punto di vista di un centro di F.A., il programma di selezione e le decisioni genetiche che vengono fatte oggi hanno un grandissimo impatto sulla redditività e sul futuro bilancio del vostro allevamento.

> Per saperne di più

Dairy News

Altre Dairy News

Le previsioni di Rabobank sui mercati mondiali

I prezzi dei prodotti caseari sono previsti in ripresa, ma non prima della seconda metà del 2015. I prezzi delle commodity sui mercati internazionali sono rimasti bassi alla fine del 2014 a causa del notevole aumento delle produzioni nelle “Big 7” regioni esportatrici (UE, USA, Nuova Zelanda, Australia, Argentina, Brasile e Uruguay), calo dei consumi locali e il notevole calo delle importazioni da parte di Cina e Russia.

Per saperne di più


Allevamento & Genetica

Che cosa significa realmente l'Indice di Longevità?
La prova è nei fatti...

Statura, angolo della groppa, lunghezza e posizione dei capezzoli hanno davvero un impatto sulla longevità e sulla riproduzione?

Vi dimostriamo che questo luogo comune non è vero, anzi......


Il modo più corretto di ricorrere ai tori genomici è quello di acquistarli per gruppi, meglio ancora se concentrandosi sui caratteri che meglio rispondono alle esigenze ed ai criteri di selezione dell'allevatore che li sta utilizzando.

La tabella seguente spiega molto chiaramente e senza alcuna ombra di dubbio, che più tori vengono utilizzati e maggiori sono le informazioni che vanno a concorrere all'aumentare dell'attendibilità del dato genomico....inoltre ricorrendo ai migliori riproduttori per caratteristica è possibile ottenere indici medi elevatissimi per una pressione di selezione difficilmente ottenibile in altro modo!!!!!

Salute dell'allevamento

Link al sito www.calffscts.com (versione italiana)- Autore Dr. Sam Leadley

Le patologie podali impattano negativamente su aspetti produttivi, riproduttivi e tasso di rimonta.

Alimentazione & Nutrizione

L'organizzazione meteorologica mondiale invita i governi nazionali ad attuare piani che superino l'approccio episodico alle crisi idriche

L'arrivo di Ulisse ha dato il colpo di grazia alle coltivazioni agricole colpite dal caldo e dalla siccità». È tragico l'ultimo bollettino di Coldiretti sulla grave carenza idrica che ha già provocato al settore agricolo perdite per oltre mezzo miliardo di euro.

Economia del settore lattiero

Italian packaging manufacturer ILIP intends to continue its research partnership with the University of Bologna...

Aprile 2015. Una data che da tempo gli allevatori di vacche da latte hanno segnato sul loro calendario. Scadrà allora, infatti, il regime delle quote latte e tutti saranno liberi di produrre quanto vogliono senza incorrere nelle sanzioni della Ue.

Per il prezzo del latte in Piemonte si continuerà ad utilizzare l'indicizzazione, seppure con qualche “aggiustamento”, anche per la prossima campagna lattiero casearia. E' quanto stabilisce l'accordo siglato fra rappresentanze degli allevatori e alcune fra le principali industrie del latte della Regione.

La partita non è ancora finita, ma il tempo stringe. E l’Italia, dopo la batosta delle multe ancora da finire di pagare, con la riforma messa in campo dall’Unione europea nel settore del latte ora rischia di perdere un altro treno: quello degli aiuti comunitari (un plafond di 40 milioni l’anno) per il miglioramento della qualità destinato alle Organizzazioni dei produttori (Op).